La psicoterapia in età evolutiva è un metodo di cura per aiutare bambini e adolescenti che manifestano disagi specifici o attraversano periodi di crisi legati alla crescita.

Un aiuto psicoterapeutico in questa fase della vita può essere risolutivo, rispetto a difficoltà che potrebbero divenire nel tempo disturbi più problematici. La psicoterapia infantile ha quindi una funzione preventiva per l’insorgere e alla cronicizzazione di un disagio.

Rispetto alla psicoterapia con gli adulti ha alcune peculiarità riconducibili principalmente alle caratteristiche degli strumenti terapeutici utilizzati. Il processo terapeutico in età evolutiva privilegia tutte quelle attività creative adeguate all’età che mettono il bambino e l’adolescente a proprio agio favorendone la libera espressione. L’approccio terapeutico è basato sul dialogo, sul gioco e sul disegno, utilizzati come forme espressive e interattive per dar voce e significato alle comunicazioni consce ed inconsce del bambino e del ragazzo.

Soprattutto per i bambini più piccoli il gioco è il canale preferenziale per comunicare ed elaborare le proprie emozioni, poiché è il mezzo naturale per esprimere il proprio modo di vedere se stessi e il mondo e per entrare in relazione. Attraverso il gioco è possibile aiutare il piccolo paziente a diventare consapevole delle proprie difficoltà e a dare significato alle esperienze.

L’obiettivo della psicoterapia psicoanalitica con i bambini è di offrire loro uno spazio protetto per consentire l’emergere e l’elaborazione dei vissuti emotivi inconsci legati al disagio, attraverso lo sviluppo di un’interazione con il terapeuta basata sulla mutua partecipazione. L’intreccio tra gioco e realtà nel processo terapeutico permette al bambino di ampliare la consapevolezza e fare nuove scoperte su di sé e sulla realtà.

In età evolutiva si tiene in considerazione anche l’ambiente familiare e il modo in cui interagisce con il bambino. I genitori vengono coinvolti con incontri periodici a loro dedicati, per aiutarli a comprendere le difficoltà del proprio figlio e a sostenerne il cambiamento nel suo ambiente naturale. Con i bambini molto piccoli (0-5 anni) è prevista la possibilità di incontri congiunti genitori-bambino.

In adolescenza la psicoterapia psicoanalitica è utile per affrontare disagi specifici che possono comparire in questo periodo, e per sostenere il ragazzo/a nell’elaborazione delle tematiche con cui si sta confrontando nel percorso di crescita. L’adolescenza è una delicata fase di passaggio caratterizzata da profondi mutamenti che avvengono nel corpo, nel comportamento, nella sfera emotiva e cognitiva. I ragazzi si trovano ad affrontare molte incertezze e a volte il cambiamento può essere vissuto in modo problematico. In questi casi l’adolescente potrebbe sentire il bisogno di confrontarsi con un adulto che lo aiuti a mettere a fuoco la sua sofferenza e ad affrontare il difficile momento che sta attraversando. Nella psicoterapia con gli adolescenti si tiene conto della loro maggiore esigenza di autonomia e indipendenza dai genitori e della necessità di usufruire di uno spazio personale. Attraverso la relazione con il terapeuta, gli adolescenti vengono aiutati ad elaborare i vissuti legati al disagio e ad integrare i cambiamenti che emergono nella loro esperienza. In adolescenza la psicoterapia riveste anche un’importante funzione preventiva: chiedere un aiuto ai primi segnali di malessere permette di affrontare le situazioni prima che si aggravino e sfocino in una problematica più complessa.

Vieni a trovarci nella nostra sede di Roma in Via Colle di  Mezzo, zona EUR, un nostro psicoterapeuta saprà aiutarti attraverso uno spazio di consulenza psicologica.