La supervisione istituzionale e la consulenza organizzativa si rivolgono ad operatori di Istituzioni, aziende, realtà del privato sociale che manifestano disagio lavorativo e difficoltà nel raggiungimento degli obiettivi organizzativi. L’intervento viene progettato in una serie di incontri esperienziali di gruppo, condotti da uno o due psicoterapeuti e finalizzati ad analizzare le problematiche sperimentate dai membri dell’organizzazione.

La funzione fondamentale della supervisione istituzionale oltre al supporto al personale è di promuovere lo sviluppo, il mantenimento, il sostegno, la riparazione, il cambiamento del contenitore istituzionale.

La consulenza organizzativa ad orientamento psicoanalitico si fonda sull’osservazione delle relazioni e dei processi inconsci che sono in gioco nelle organizzazioni produttive e nelle istituzioni sociali, per sostenere spazi di riflessione orientati all’azione che permettano di governare meglio la complessità delle realtà lavorative. L’intervento psicoanalitico rivolge particolare attenzione a quei fattori irrazionali che sono sottesi al problema e che ne impediscono la risoluzione.

Il presupposto su cui si fonda l’intervento, è che l’elaborazione delle situazioni di disagio lavorativo aiuti a sciogliere gli aspetti emotivi e le dinamiche che circolano e ostacolano il lavoro. Spesso nelle realtà organizzative nonostante la razionalità del progetto, l’adeguatezza delle risorse investite, una leadership capace e una buona base di consenso, si determina una situazione di stallo e le relazioni di lavoro al suo interno manifestano disagi e difficoltà di cooperazione.

La comprensione dei vissuti presenti nei cambiamenti di un’organizzazione, favorisce la comunicazione e riduce l’incidenza di comportamenti che rendono difficile il raggiungimento degli obiettivi.

Gli incontri di gruppo sono di tipo esperienziale, per poter comprendere in prima persona le motivazioni e gli aspetti impliciti coinvolti nelle problematiche sperimentate. Pensiamo che lo strumento del piccolo gruppo possa permettere in modo privilegiato un luogo di pensabilità, di novità e pensiero creativo in grado di ridefinire i confini dell’istituzione ed elaborare i cambiamenti.

La supervisione dell’Istituzione offre inoltre ai suoi membri, la possibilità di approfondire una molteplicità di punti di vista sul problema e di aprire il confronto tra somiglianze e differenze individuali nell’affrontare la complessità del lavoro.